Thursday, June 16, 2016

An article by Roberto

The name in Italy

The question of group designation was an issue for the first Italian Watch Tower believers. All the Italian publications, letters and documents, inside and outside the movement,  avoided the name “Bible Students” until 1915.

The most used name was the generic “Church”, but there are some exceptions. In 1903 the first number of “La Vedetta di Sion” – Italian Zion’s Watch Tower -  called themselves with the generic name “Church”, but also “Christian Church"  and “Faithful Church” [1]. In 1904 besides the name “Church” they called themselves “Church of the Little Flock of Believers” and “Evangelical Church” [2]

In 1904 the Waldensians pastor Giuseppe Banchetti wrote a positive review of the Italian Divine Plan of the Ages in a periodical [3], and avoids any name but “the Present Truth”.

In 1905 a letter of Daniele Rivoire was published in the Zion’s Watch Tower French edition (Le Phare de la Tour de Sion), he said: “Next Sunday afternoon I will go to S. Germano Chisone for a meeting with five or six people deeply interested in the Present Truth”. He used also the the expressions “Holy Cause” and “Work”, and avoided any name [4].

In 1908 Lara Lantered (widow Chantelain) in a long letter called the Watch Tower believers, “Readers of the Dawn and Tower”. She wrote: “May God grant us to be frank and honest in our testimony of the present truth and in the unfolding of our glorious flag. May he give to all the readers of the Dawn and Tower to rejoice in the Lord. He desires that our joy may be complete and would not allow anyone to take it away from us” [5].  In 1910, in another long letter, Lanteret evaded any name and used the expressions “Light” and “Precious Truth”. She said: “I am glad to announce that Mr. M., a former old Baptist Minister, after frequent discussions with the two of us (Lara Lantaret and Fanny Lugli) has fully entered into the light and accepted joyfully the precious truth that God has well revealed through his dear and faithful servant Russell” [6]

In May 1910, four members of the Waldensians Church resigned,  joining with the Watch Tower Movement. They were Henriette Bounous, Francois Soulier, Henry Bouchard, and Luoise Vincon Rivoir; In their long letters of resignation they avoided any name. Henri Bouchard alone used the phrase “Church of Christ” one time [7].

This continuous change of names, or absence of a name, generated confusion outside the movement. The Consistory of the Waldensias Church disfellowshipped Henriette Bocenous, Cesarine Bocenous, Francois Soulier together with his wife and daughter, Henry Bouchard and Louise Vincon Rivoire (or Rivoir) with the following words that we find in the minutes of the meeting:

“The President reads the letters that he has written in the name of the Consistory, to those individuals that from many time or lately two years ago, have left the Waldensian Church to join the Darbysts, or to set up a new sect ……… while Louise Vincon Rivoire has become a Baptist” [8].
As a matter of fact they were all Watch Tower believers.

In its May 21, 1915, issue the Waldensians paper L’Echo des Vallees an article entitled “Courrier Anglo-American," saying: “Doctor Nixon, fights to the bitter end, the millennial movement that is becoming a dangerous movement, and Pastor Russell is the leader of this new religious agitation started in the United States” [10]

Also, in 1915 the Catholic priest at Bagnolo Piemonte, wrote an article against the booklet The Triumph of the Bible published by  the Italian Branch of the International Bible Students Association. The priest called them Protestants and Waldensians [9] . In January 1916, the Italian branch replied saying that they were neither Protestants or Waldensians:

“We of the International Bible Students Association want to free them from that charge, declaring that we are out of any religious sect or renowned nominal church, Catholic or Protestant, and that the brothers of the Association although in the past were members of those religions, they harried up to go out, because they (Catholic and Protestants) are part of the Great Harlot Babylon, so well drowned in Revelation chapters 17 and 18” [11].

After 1915 the name Bible Students became common inside and outside the movement .
 
Footnotes - all the references can be found in the book “Enciclopedia storica sui Testimoni di Geova in Italia” (Historical Encyclopedia on the Jehovah’s Witnesses in Italy, vol. I) by Emanuele Pace, 2013.

[1] Vedetta di Sion vol. 1, n.1, October 1903 p.2, §7; and p.3 column 2, line 4 
[2] Vedetta di Sion vol. 2, n. 1, January 1904, p.3, column 4, line 4; and p.3 §3.
[3] Letter wrote in 1904 July 13 and published in La Rivista Cristiana 1904, September, vol. VI, pp. 351-354.
[4] Le Phare de la Tour de Sion 1905, January-March edition, p. 117
[5] Le Phare de la Tour de Sion 1908, May, p. 139
[6] Le Phare de la Tour de Sion 1910, April, p. 79
[7] Archivio della Tavola Valdese (Archive of the Waldensian Table) – Torre Pellice, Turin
[8] Archivio della Tavola Valdese (Archive of the Waldensian Table) – Torre Pellice, Turin
[9] Bollettino Mensile della Chiesa (Montly Bulletin of the Church) 1915, September
[10] Clara Cerulli Lantaret replied to the charge, with a letter published in the paper “Il Pellice” dated 1915 June 4. The dispute is reported in the Italian Watch Tower tract “Giustizia” (Justice), page 6
[11] “Il Vero Principe della Pace” (The True Prince of the Peace), Associazione Internazionale Studenti Biblici, 1916, January, p. 14 

8 comments:

roberto said...

Footnote 9. The year is 1915 and not 2015.

jerome said...

A really interesting article. Many thanks to Roberto.

Anonymous said...

Yes, good article Roberto. Very informative. Well done!

Son of Ton

Anonymous said...

Excellent

roberto said...

Il nome in Italia parte 1

Avere un nome che li identificasse come gruppo era un dilemma per i primi associati alla watch Tower. Tutte le pubblicazioni, lettere, e documenti all’interno e all’esterno, del movimento, non contengono il nome “Studenti Biblici” fino al 1915.

Il nome più usato era il generico “Chiesa”, ma vi sono delle eccezioni. Nel 1903 il primo numero della Vedetta di Sion – L’edizione italiana della Torre di Guardia di Sion – chiamava se stessi con il nome generico di “Chiesa”, ma anche “Chiesa Cristiana” e “Chiesa fedele” [1]. Nel 1904 a fianco del sempre usato “Chiesa” si autodefinirono “Chiesa del Piccolo Gregge e dei Credenti” e “Chiesa Evangelica” [2]
Nel 1904 il pastore valdese Giuseppe Banchetti scrisse su un periodico una recensione positiva dell’edizione italiana del Divin Piano delle Età [3], ma evitò qualsiasi nome tranne “La Presente Verità”.
Nel 1905 una lettera di Daniele Rivoire fu pubblicata sull’edizione francese della Torre di Guardia di Sion, egli disse: “Questa domenica pomeriggio vado a S. Germano Chisone per una riunione…. Dove ci sono cinque o sei persone molto interessa nella Verità Presente.”. Usò anche le espressioni “Santa Causa” e “Opera” ma evitò qualsiasi altro nome [4]
Nel 1908 Lara Lanteret (vedova Chantelain) in una lunga lettera definisce gli associati alla Torre di Guardia, a cui lei apparteneva, “Lettori dell’Aurora e della Torre”. Scrisse: “Che Dio conceda a tutti noi di essere franchi e aperti nella nostra testimonianza della verità presente e di dispiegare gioiosamente il nostro vessillo. Che lui dia a tutti i lettori dell’Aurora e della Torre di rallegrarrsi senza posa nel Signore il qual disidera che la nostra gioia sia perfetta e che non permetta a nessuno di portarcela via” [5]. Nel 1910, in un’altra lunga lettera, Lanteret evase qualsiasi nome e usò l’espressione “Luce” e “Preziosa Verità”. Disse: “Ho la gioia di annunciarvi che un anziano pastore battista da tempo ritirato, signor M., in seguito a frequenti discussioni con noi due (io e Fanny Lugli) entra pienamente nella luce e accetta con gioia le preziose verità che Dio ha ritenuto bebe rivelarci per il tramite del suo caro e fedele servitore Russell” [6]
Nel maggio 1910, quattro membri della chiesa valdese si dimisero, unendosi alla Watch Tower. Erano Henriette Bounous, Francois Soulier, Henry Bouchard, e Luoise Vincon Rivoir; nelle loro lunghe lettere di dimissioni dalla Chiesa Valdese non usano alcun nome per la nuova religione, solo Henri Bouchard usò l’espressione “Chiesa di Cristo” una volta [7].

- Per le note in calce vedi l'articolo originale in inglese -

roberto said...

Il nome in Italia parte 2

Questo continuo cambio di nomi, o assenza di un nome generò confusione anche fra coloro che non facevano parte del movimento. Il Concistoro della Chiesa Valdese espulse Henriette Bocenous, Cesarine Bocenous, Francois Soulier insieme a moglie e figlia, Henry Bouchard e Louise Vincon Rivoire (or Rivoir) con le seguenti parole che possiamo leggere nel verbale della riunione: “Il Presidente in seguito legge le lettere che ha scritto in nome del Concistoro a quegli individui che da molto tempo oppure ultimamente, chi da due anni, hanno lasciato la chiesa valdese per unirsi a Darbysti, o a fondare una nuova setta…. Mentre Louise Vincon Rivoire è passata ai Battisti in maniera definitiva” [8]. Nella realtà dei fatti erano tutti associati alla Watch Tower.
Il 21 maggio 1915 il giornale valdese “L’Echo des Valles” pubblicò l’articolo “Courrier Anglo-American”, dove leggiamo: “Il dott Nixon combatte a oltranza il movimento millenniale che incomincia a diventare un movimento pericoloso, è il pastore Russell….. che si trova alla testa di questa nuova agitazione religiosa che ha le sue origini negli Stati Uniti” [10]
Sempre nel 1915 il prete cattolico di Bagnolo Piemonte, scrisse un articolo contro l’opuscolo “Il Trionfo della Bibbia” pubblicato dall’ufficio italiano dell’Associazione Internazionale degli Studenti Biblici. Il prete li aveva chiamati Protestanti e Valdesi [9]. Così a gennaio 2016, l’ufficio italiano replicò dicendo che non erano né Protestanti né Valdesi. Si legge:
“Noi della Associazione Internazionale degli Studenti della Bibbia, intendiamo liberarli da quell’accusa dichiarando che siamo all’infuori di qualunque setta religiosa o chiesa nominale riconosciuta, …. e che i singoli fratelli dell’Associazione benché fossero membri in passato di tali religioni, si sono affrettati ad uscirne tosto che riconobbero in esse la Gran Meretrice, la Babilonia così ben descritta nei cap. 17 e 18 di Rivelazione” [11]

Dopo il 1915, il nome Studenti Biblici divenne comune dentro e fuori il movimento

Per le note in calce, vedi l’articolo in inglese

Semer said...

JWs usually call our faith "the truth". But I like "the light" as well, we should recover that.

Gian said...

Questa faccenda del nome non la conoscevo!
Quelli dovevano essere davvero giorni entusiasmanti!
tutte le scoperte e poi darsi un nome...
Dovremmo davvero essere grati a quei nostri primi fratelli moderni!

Grazie per la condivisione!