Friday, December 4, 2015

A bit more: Out of Babylon, partial, unedited



            Sam W. Williams (November 30, 1853 – May 6, 1926) adopted the Watch Tower message through a circuitous rout. His story helps us understand how congregations developed in the decade of the 1880s. The Williams family lived in Leon County Texas, a sparsely populated rural county of about thirteen thousand people. He was raised a Methodist but in the late 1870s was increasingly dissatisfied with his religion. Five families started a study group. He recalled it this way:

In 1878, five of us brethren and our wives, all members of the Methodist Protestant church becoming dissatisfied with our living and with the low standard of the Church, decided we wanted to get nearer to the Lord. We saw that neither we, nor the Methodists, understood the Bible, especially the Prophecies, and we desired to, so we organized ourselves into a class for Bible study. … Soon another brother and sister joined and then another and another, soon, making our little band, when we could all attend, fourteen. We studied the Prophecies a great deal, and how they were quoted by the New Testament Writers, and I tell you we did have some of the grandest little meetings. The Lord blessed us. We held to the church and continued our studies. We met with the Methodists still, but enjoyed our little meetings the most.[1]

            His memories bring us to issues that drew people into the Watch Tower fold. He and his small group felt the lack of significant Bible study within their church. And they were dissatisfied with “the low standard of the Church.” In this period, the Methodist Church was troubled, the clergy were notoriously immoral, and, outside the larger urban areas, they were under-educated.[2] On a broader scale, some prominent Methodists gave the church a bad name, but were retained as members despite their immoralities. “Boss” Tweed was a Methodist. Though from decades earlier, the seduction and murder of Rebecca Cornell by Ephraim K. Avery, a Methodist minister, still hung in the air. Though acquitted, most believed him guilty. The scandal was brought to memory in this era by his death in October 1869. Fraud uncovered at the Western Methodist Book Concern was fresh.[3] We think, however, that Williams and his small group were distressed by the behavior of some in the church they attended.
            Williams began to preach in the summer of 1879 without seeking a Methodist Conference license. He was confronted by concerned church authorities, but told them, “I do not think it would help me to preach.” His father, a long-term class leader suggested he apply for the license to avoid “confusion,” which he did. He was licensed in November and ordained in December 1879, elevating him from farmer to clergy. He became a circuit rider, largely or entirely within Leon County. On May 14, 1882, another Methodist clergyman handed him a copy of Zion’s Day Star, thousands of which had been sent out as sample copies. His life changed as a result:

We were busy and I put it in my pocket. The next day I was plowing and at noon I looked at the little paper; the first thing I noticed was “Man is Not Immortal.” I threw the paper away and went to my plowing. That afternoon I plowed and studied.  “How foolish that man is to deny the immortality of the soul. Well,” I reasoned, “I am before the people; they call me a pubic man and I may have to meet this; I will collect the many Scriptures teaching the immortality and be ready to meet it.” I began to study that night. … After two hours study I gathered my many Scriptures together and was very much surprised and dissatisfied. I said, “Wife, do you know about the little paper I threw away today?” Yes, so she presented it. I looked at it outside an in. … I turned to the article and read it once, twice; put the paper up, prayed and went to bed thinking, “Can it be man is not immortal?”

            He returned to his plowing the next morning, cogitated. He wrote letters to “three of the principal men of the conference,” asking for help. They answered immediately, but he was disappointed. They couldn’t present proof of inherent immortality either. “This was an awful time for me,” he wrote. “I cried unto the Lord earnestly.” He considered resigning his ministry, but fell back on sola scriptura doctrine:

My early teaching came to my help. I was raised … a Methodist but my parents taught me, “Bible first.” This saved me. I said, “I will take the Bible,” and I laid the old Book on my breast. “What it teaches, I will believe and teach to the best of my ability; what it does not teach I will not believe or teach.” O! what comfort came to my poor heart right then and there. Man mortal or immortal, can go to the winds, the Lord is my God, Jesus is my Savior, the Bible is my book; I am all right. I am happy and could and did say, “Glory to God,” as fervently as I ever did in a revival meeting.

            Williams introduced the topic to the Wednesday Bible Class. They agreed entire that the Bible does not teach inherent immortality. He continued to keep his preaching appointments. And he sent for Paton’s Day Dawn, finding it helpful. Later that summer (1882) a retired Methodist minister living locally returned from a trip with three of the sample copies of Zion’s Watch Tower. They studied them together until they were tattered. Despite his changed doctrine, the Methodist Conference continued him in the ministry, but warned him, “Be very careful, you should not ask such questions; secret things belong to God.”
            The retired minister whom we know only as Uncle Henry subscribed to The Watch Tower. They studied each issue as it came. In the Spring of 1883, at Uncle Henry’s urging, their Bible Study Group met at his house and celebrated communion as an annual event. Williams recalled:

This was April 1883 and praise the Lord, we have not missed this blessed opportunity since. My Tower subscription began in April 1883 and we have them all to Jan. 1916 1883 was a good year. We preached the Truth as we saw it and circulated “Food for Thinking Christians,” Tabernacle and Tower, taking subscriptions, etc., and began to get acquainted with C. T. Russell.

            It appears that his first contact with Russell was through a letter written in January 1885. Unsigned as most published letters were, a letter found in the April 1885, Zion’s Watch Tower fits Williams’ circumstances perfectly:

Texas, January, 1885.

DEAR BROTHER RUSSELL: I write this for information. We (a few brothers and sisters) have come out of the Church (so called), and are standing for, and searching for the truth. I have been preaching four years, and from the first was called peculiar in my opinions. About two years past I received a copy of ZION'S WATCH TOWER of a dear friend and brother, which I read and compared with the Bible, and have been at it since. I soon began to preach in harmony with the TOWER, because I believed it to be in harmony with the Bible. Therefore my preaching got worse instead of better, my church said, and the consequence was I soon left them, shook off the shackles, pulled out of the yoke, and bless God I am standing in the liberty. During this time I have circulated the TOWER and preached in harmony with its teachings. When I left the church some others--about twenty and since then more—have also come out. The greater portion of us were Methodists. Having, therefore, never been baptized (by immersion), the question has been considered by us. Some want to be baptized, and others are satisfied. They have come to me, and as I have not been immersed I hesitated about immersing others. If I could find a brother that would baptize me, and do, nor ask, any more, I would be glad to receive baptism. The Baptists here will not baptize unless we join their Church, and we do not want to become again entangled with a yoke of bondage.

Now, what ought we to do? I do, and have for some years desired to do, God's will; and I do not want to leave one duty undone. I do pray and believe that you will find time to answer this letter.[4]

            He was expelled from the Methodist Conference in June 1884. Ill and unable to attend the Conference, he was left without assignments and a committee was selected to examine the charges against him. Similar to those posted against [name], the specifications were that he denied immortality of the soul and eternal torment, and that he believed in a future probation. He appeared for trial, pleading guilty and demanding proof that he was wrong. “I tell you we had a good time,” he wrote later. He saw demanding proof as a peaceful compromise with the committee, but they were unbending and voted to expel him from the Conference.
            A significant number of those attending were dissatisfied with the committee’s proof text and apparently with the committee itself. The Bible Study fellowship from his home congregation left with Williams. And about fifteen members of the congregation where the trial was held (some thirty-five miles north of the Williams home) walked out too. The next month, July 1884, he received a letter from a group in an adjoining county. About twenty names were signed to an invitation to speak. He went and received a hearing, though he was more of a curiosity than otherwise but interest grew there too. Sam Williams had a growing family; his children were small. He worked hard on his home farm, but continued to preach to these assemblies.
            As noted above the issue of Baptism prompted him to write to Russell who answered him through the Watch Tower. Considerable affection between Russell and the Williams developed. Sam was briefly a traveling Watch Tower speaker in Texas, and there is a newspaper record of some of his visits. Unguided, except by the Bible and reading the Tower, three Watch Tower adherent fellowships developed. We think that this is representative of the period.


[1]              This quotation and those that follow come from a letter from Williams to editor of the St. Paul, Minnesota, Enterprise. See the February 26, 1916, issue.
[2]              We document this in volume one on page [-].
[3]              See New York Times, May 21, 1870.
[4]              Extracts from Interesting Letters, Zion’s Watch Tower, April 1885, page 2.

10 comments:

Andrew said...

What a fascinating human interest story! I am constantly amazed by your ability to uncover the tiny details required to document these experiences

I am currently writing a history of the early ecclesias in my area (Wisconsin), and a similar experience happened to three men involved in a Lutheran church schism in the 1890s. The details are sketchy and very difficult to locate. The families of the men, who all left positions of great authority in the church, are assisting me, and even then, reconstructing the details is extremely difficult. Interestingly, like many early persons who became Bible Students, the schism erupted when the three men began to question the doctrine of eternal torment.

Every time you uncover a story like this, it motivates me not to give up when the trail seems cold. And it makes your project that much more interesting and the people involved more human. I want to express my gratitude to you and your colleagues, as well as about 10 others in my congregation who follow the blog.

Andrew Grzadzielewski

roberto said...

Superb article Rachael! In my next comment I'll put the Italian translation.

jerome said...

Note to Andrew
I am currently plowing my way through the St Paul Enterprise, the Bible Students newspaper, in research for this blog's project. The files run from c. 1914-1922 and have been OCR'd. If you want to supply the names of the three men, or any others related to your research, it would be quite simple to see if their story turned up in letters or obituaries or the like in the era covered by the Enterprise. They may well not be there, but it is surprising what HAS turned up, so it might be worth a look if you wanted.

Andrew said...

Jerome:

I am very grateful for your help. Here are some names I am looking for more information about. It's a long shot, but thanks in advance for looking !

David "Ralph" Silvernail
Luke Kuklinski
Jacob Mansavage
John Wiederholt
Jake Fennema
Lucy Turner
Frank Hoover
Adolf Softer
Harold Miller
Andrew Bergsbaken
Ole Brecken
John Hovie
Charles Eickhoff
Mike Zdroik
Eldore Bergsbaken
Mark Lindem
Molly Hargrave
Mary Riebe
Thomas Angelski
Alfred Smith
Clara Spearbraker
Adam Smith

Andrew

roberto said...

Other references to Sam W. Williams into the Watch Tower.

W1892 October 15, page 304 (1456 reprint), article: Interesting letters
W1895 January 15, page 24 (1762 reprint), article: ENCOURAGING WORDS FROM FAITHFUL WORKERS
W1898 July 15, page 223 (2342 reprint), article: INTERESTING LETTERS.
W1899 July 15, page 176 (2499 reprint), article: INTERESTING LETTERS
W1908 July 15, page 219 (4211 reprint), article: MANY MORE ADVISE THAT THEY HAVE TAKEN THE VOW

roberto said...

FUORI DA BABILONIA - bozza incompleta - (Per il lettore italiano) - PARTE 1

Sam W. Williams (30 Novembre, 1853 - 6 maggio 1926) accettò il messaggio della Watch Tower attraverso un percorso tortuoso. La sua storia ci aiuta a capire in che modo si svilupparono le congregazioni nel decennio 1880-9. La famiglia Williams viveva nella contea di Leon nel Texas, una contea rurale scarsamente popolata di circa tredicimila persone. Cresciuto come metodista, negli anni 1875-9 divenne sempre più insoddisfatto della sua religione. Cinque famiglie iniziarono un gruppo di studio. Lui stesso racconta come andò:

“Nel 1878, io, insieme a quattro miei fratelli e le nostre mogli, tutti membri della chiesa Protestante Metodista, decidemmo di avvicinarci maggiormente al Signore. Vedevamo che né noi, né i metodisti, capivamo la Bibbia, specialmente le profezie, ma noi avevamo quel desiderio, e così ci organizzammo in una classe per lo studio della Bibbia……. Presto un altro fratello e una sorella si unirono a noi, e subito dopo un altro e un altro ancora, così che quando potevamo partecipare tutti, il nostro piccolo gruppo, era composto da quattordici membri. Studiavamo moltissimo le profezie e in che modo esse venivano citate dagli scrittori del nuovo testamento, e posso dirvi che a quel tempo abbiamo tenuto alcune delle nostre più nobili riunioni. Il Signore ci ha benedetti. Facevamo parte della chiesa, ma continuavamo per conto nostro gli studi sulla Bibbia. Ci riunivamo ancora con i metodisti, ma provavamo più gioia alle nostre piccole adunanze”. [1]

Le sue memorie ci portano a capire il motivo per cui le persone erano spinte ad aderire alla congregazione Watch Tower. Lui e il suo piccolo gruppo sentivano la mancanza di un significativo studio della Bibbia nella loro chiesa. Ed erano insoddisfatti del “basso livello della Chiesa.” In quel periodo , la chiesa metodista era agitata, il clero erano notoriamente immorale e, al di fuori delle grandi aree urbane, erano scarsamente istruiti. [2] Alcuni preminenti metodisti diedero alla chiesa una cattiva reputazione su vasta scala, ma continuarono ugualmente ad esserne membri a dispetto della loro immoralità. “Boss” Tweed era un metodista (All’anagrafe William Magear Tweed. Uomo politico americano che rubò milioni di dollari dalle casse della città di New York, lo scandalo scoppiò nel 1870, morì in prigione nel 1878). Sebbene accaduto decenni prima, la seduzione e l’omicidio di Rebecca Cornell per opera del pastore metodista Ephraim K. Avery, era ancora nell’aria e sebbene assolto, i più credevano che lui era il colpevole. Lo scandalo tornò alla memoria di tutti proprio in quel periodo a causa della sua morte avvenuta nel 1869. La truffa del libro contabile della Western Methodist era recente. [4] Crediamo però che Williams e il suo piccolo gruppo fossero afflitti dalla condotta di alcuni della locale chiesa che frequentavano.

Williams cominciò a predicare nell’estate del 1879 senza aver chiesto licenza alla Conferenza Metodista. Le preoccupate autorità della chiesa si incontrarono con lui che disse: “Non penso che mi aiutereste a predicare.” Suo padre, un leader di classe di lunga durata gli suggerì di inoltrare domanda per ottenere la “licenza” onde evitare “confusione”, cosa che egli fece. Ottenne la licenza a novembre e a dicembre del 1879 fu ordinato a pastore metodista, elevato da contadino a ecclesiastico. Divenne un predicatore itinerante, principalmente o solamente all’interno della contea di Leon. Nel maggio 1882, un altro ecclesiastico metodista gli diede una copia della Zion’s Day Star (rivista simile alla Torre di Guardia pubblicata da A. D. Jones, uno dei primi collaboratori di C. T. Russell), di cui erano state diffuse migliaia di copie gratuite. Il risultato fu che la sua vita cambiò:

roberto said...

FUORI DA BABILONIA - bozza incompleta - (Per il lettore italiano) - PARTE 2

“Eravamo indaffarati e perciò la misi nella mia tasca. Il giorno seguente stavo arando e a mezzogiorno esaminai il piccolo giornale: La prima cosa che notai fu un titolo: “L’uomo non è immortale.” Gettai via il giornale e tornai ad arare. Quel pomeriggio aravo e meditavo. “Che folle l’uomo che nega l’immortalità dell’anima. Davvero” ma ragionai, “Sto davanti alla gente; mi considerano una personalità pubblica e potrei ritrovarmi davanti quel giornale; perciò metterò insieme le numerose scritture che insegnano l’immortalità e sarò pronto a confutare l’argomento. “Cominciai a studiare quella notte stessa. …. Dopo due ore di studio misi assieme le mie numerose scritture ma rimasi molto sorpreso e insoddisfatto. Dissi: “Moglie, sai qualcosa del piccolo giornale che ho gettato via stamattina?” Si lo sapeva, e così me lo portò. Lo esaminai per bene di fuori e nel contenuto …. Tornai a quell’articolo e lo lessi una volta, due volte; sistemai il giornale, pregai e andai a letto pensando: “Potrebbe essere che l’uomo non è immortale?”
La mattina seguente tornò ad arare pensieroso. Scrisse lettere a “tre dei membri più in vista della Conferenza Metodista” chiedendo aiuto. Risposero immediatamente, ma fu deluso. Non erano neppure in grado di presentare prove a favore dell’immortalità innata. “Quello fu per me un momento terribile” scrisse. “Implorai fervidamente il Signore.” Prese in considerazione le dimissioni dal suo incarico, ma fece ricorso alla dottrina della “sola scriptura”:
“Quello che avevo appreso fin da piccolo mi venne in aiuto. Ero stato educato come metodista, ma i miei genitori mi avevano insegnato, “prima la Bibbia.” Questo mi salvò. Mi dissi, “prenderò la Bibbia” e adagiai il vecchio libro sul mio petto. “Quello che insegnala Bibbia, io lo crederò e lo insegnerò al meglio delle mie capacità; quello che non insegna, non lo crederò e non lo insegnerò.” Oh che conforto venne al mio povero cuore proprio lì in quel momento. L’uomo, mortale o immortale che sia, va via nel vento, ma il Signore è il mio Dio, Gesù il mio Salvatore, La Bibbia il mio libro; e quindi sono nel giusto. Sono felice e posso e voglio dire, “gloria a Dio” così fervidamente come mai ho fatto in un revival religioso.”
Williams introdusse l’argomento dell’immortalità alla Classe Biblica del mercoledì. Convenirono interamente che la Bibbia non insegna l’immortalità innata. Williams continuava a tenere i suoi convegni di prediche per la chiesa metodista. Fece richiesta di avere il libro di Paton “Day Dawn” (L’Alba del Giorno) trovandolo utile (Paton era un altro dei primi collaboratori di Russell). Successivamente, quell’estate del 1882 un pastore metodista in pensione che viveva nelle vicinanze ritornava da un viaggio con tre numeri delle copie gratuite della Torre di Guardia di Sion. Le studiarono insieme finché non le ridussero in brandelli. A dispetto del fatto che aveva cambiato dottrina, la Conferenza Metodista usufruiva ancora del suo ministero, ma lo avvertì: “State molto attento, non dovreste trattare tali questioni; le cose segrete appartengono a Dio.”
Il pastore metodista in pensione che conosciamo solo come “Zio Henry” si abbonò alla Torre di Guardia. Studiavano ogni numero appena arrivava. Nella primavera del 1883, si iniziativa di zio Henry, il loro gruppo di Studio Biblico si riunì nella loro casa e celebrarono la comunione (ultima cena, o commemorazione della morte di Gesù) come evento annuale. Williams ricordò:
“Questo accadeva nell’aprile 1883, e lode al Signore, non abbiamo mai mancato a questa benedetta opportunità fin da allora. Il mio abbonamento alla Torre di Guardia iniziò ad aprile 1883 e abbiamo tutti i numeri fino a ora gennaio 1916, il 1883 fu davvero un buon anno. Predicavamo la Verità come riuscivamo a capirla e distribuivamo l’opuscolo ‘Cibo per Cristiani riflessivi’, l’opuscolo ‘Ombre Tabernacolari’ e la Torre di Guardia, facevamo abbonamenti, ecc. e cominciammo a conoscere di C. T. Russell.”

roberto said...

FUORI DA BABILONIA - bozza incompleta - (Per il lettore italiano) - PARTE 3

Sembra che il primo contatto con Russell fu tramite una lettera scritta nel gennaio 1885. Non firmata, come la maggior parte delle lettere di allora, si trova nella Torre di Guardia di Sion di aprile 1885 e calza perfettamente con le circostanze di Williams:
Texas, gennaio 1885
“Caro fratello Russell: vi scrivo questa lettera per informarvi di noi. Noi (alcuni fratelli e sorelle) siamo usciti dalla cosiddetta Chiesa, e stiamo sostenendo e cercando la verità. È da quattro anni che predico e secondo la mia opinione è stata un’esperienza unica fin dal primo anno. Circa due anni addietro ricevetti una copia della Torre di Guardia di Sion da un caro amico e fratello, ho letto e confrontato la rivista con la Bibbia, cosa che ho continuato a fare fino ad ora. Ho subito cominciato a predicare in armonia con La Torre di Guardia, perché ho creduto fin da allora che è in armonia con la Bibbia. La Chiesa mi ha detto che la mia predicazione non andava bene, che peggioravo invece di migliorare, così decisi di lasciarla immediatamente, mi sono scrollato di dosso le catene, tirato fuori dal giogo, e Dio mi ha benedetto nella libertà. Durante questo tempo ho distribuito la Torre di Guardia e predicato in armonia con il suo insegnamento. Quando ho lasciato la chiesa, alcuni altri – circa venti, ma poi sono aumentati – sono venuti con me. La gran parte di noi erano metodisti. Non essendo perciò mai stati battezzati (per immersione), abbiamo considerato insieme la questione. Alcuni vogliono essere battezzati, ma altri sono appagati. Sono venuti da me per farsi battezzare, e poiché io stesso non sono stato immerso ho esitato in quanto all’opportunità di immergere altri. Se potessi trovare un fratello che vuole battezzarmi, e lo facesse, non chiederei più, sarei felice di ricevere il battesimo. I battisti che sono qui non battezzano a meno che non ci si unisce alla loro chiesa, ma noi non vogliamo intrappolarci di nuovo in un giogo di schiavitù . Ora, cosa dovremmo fare? Desidero, e l’ho desiderato da diversi anni, fare la volontà di Dio. Prego fervidamente e credo che voi troverete il tempo di rispondere a questa lettera. [4]
Williams fu espulso dalla Conferenza Metodista nel giugno 1884. Ammalato e impossibilitato a partecipare alla Conferenza, fu lasciato senza incarico e fu nominato un comitato per esaminare le accuse contro di lui. Le accuse erano simili a quelle mosse contro [nome], e i capi d’accusa erano che negava l’immortalità dell’anima e il tormento eterno, e che credeva in una prova futura (In inglese Future Probation, anche se il termine non ricorre più nelle nostre pubblicazioni, è una dottrina tuttora presente: cioè l’idea che il destino eterno delle persone non si decide durante la vita attuale, ma successivamente nel millennio, sia dei giusti che degli ingiusti. Questa idea è un’aberrazione per la maggioranza delle chiese cosiddette cristiane che ritengono che tutto si decide nella vita attuale) . Comparì al processo, dichiarandosi colpevole delle accuse fatte, ma chiedendo le prove che era nel torto. “Vi dico che ci siamo divertiti”, scrisse successivamente. Egli vedeva la richiesta della prova come un pacifico compromesso con il comitato metodista, ma i membri furono impassibili e votarono per espellerlo dalla Conferenza Metodista.

roberto said...

FUORI DA BABILONIA - bozza incompleta - (Per il lettore italiano) - PARTE 4

Un numero significativo di quelli che assisterono alla sua espulsione erano in disaccordo con il testo di condanna del comitato e a quanto pare con il Comitato stesso. Gli amici del Gruppo di Studio che si riunivano a casa sua si unirono a lui. Circa altri quindici membri della congregazione dove fu tenuto il processo (circa 56 km a nord della casa dei Williams) si unirono a loro. Il mese successivo, luglio 1884, ricevette la lettera di un altro gruppo metodista vicino. Circa venti nominativi gli porsero l’invito a venire a fare un discorso da loro. Vi andò e fu ascoltato, sebbene si trattasse più che altro di curiosità l’interesse crebbe anche lì. Lafamiglia di Sam Williams cresceva; i suoi bambini erano piccoli. Lavorava duramente nella fattoria di casa sua, ma continuava a predicare alle riunioni che allora si facevano.
Come si può sopra notare la questione del battesimo lo spinse a scrivere a Russell che gli rispose attraverso le pagine della Torre di Guardia. Fra Russell e Williams si sviluppò un notevole affetto. Sam Williams fu per un breve periodo un oratore della Watch Tower nel Texas, e un giornale del luogo riporta qualcuna delle sue visite. Senza alcuna guida, eccetto che la Bibbia e la lettura della Torre di Guardia, si svilupparono tre gruppi aderenti alla Watch Tower. Crediamo che questo racconto sia rappresentativo di quel periodo.
[1] Questa citazione e quelle che seguono sono tratte da una lettera di Williams al direttore del giornale “St. Paul, Minnesota, Enterprise”. Numero del 26 febbraio 1916.
[2] Documentiamo questa situazione nel primo volume alla pagina [-].
[3] Vedi il New York Times, 21 maggio 1870.
[4] Estratti da lettere interessanti, Torre di Guardia di Sion, aprile.

Altri riferimenti a Sam W. Williams nella Torre di Guardia.
W1892 15 ottobre, pagina 304 (1456 ristampa), Articolo: Lettere interessanti
W1895 15 gennaio, pagina 24 (1762 ristampa), Articolo: Parole incoraggianti da lavoratori fedeli
W1898 15 luglio, pagina 223 (2342 ristampa), Articolo: Lettere interessanti
W1899 15 luglio, pagina 176 (2499 ristampa), Articolo: Lettere interessanti
W1908 15 luglio, pagina 219 (4211 ristampa), Articolo: Altri annunci che numerosi altri hanno fatto il voto.

FINE

jerome said...

Note to Andrew

That's a LONG list of names. I will certainly have a search, but it will take some time to do. By the time I find anything - assuming I do - this post will be well down the page. If you want to send me a direct email I can be contacted at john_h_paton(at)yahoo.co.uk - otherwise if I find anything I will post it on this blog.

Note to Roberto

Well done in finding all those references to Sam Williams!